Palazzo Barberini, le dieci nuove sale restaurate.

con Nessun commento

Palazzo Barberini, le dieci nuove sale restaurate

 

Lo scorso 12 Dicembre 2019 è avvenuta la riapertura al pubblico di dieci sale dell’Ala Nord nel piano nobile di Palazzo Barberini. Dopo i restauri qualche mese prima dell’Ala Sud, nell’Aprile del 2019, prosegue con successo il processo di valorizzazione dell’importante struttura storica romana. Su un progetto di Enrico Quell e sotto la cura della direttrice di Palazzo Barberini Flaminia Gennari Santori, coadiuvata da Maurizia Cicconi e Michele Di Monte, si è inaugurato il nuovo percorso espositivo strutturato secondo un ordine cronologico e con temi ben precisi.

 

Palazzo Barberini e la sua nuova vita

 

Un progetto che parte da lontano e che vedrà ulteriori passi di realizzazione come spiega la stessa direttrice Santori: “Il riallestimento delle dieci sale dedicate al Seicento rappresenta il necessario proseguimento del lavoro di rinnovo iniziato lo scorso gennaio nell’ala sud del Palazzo, inaugurata ad Aprile ……. Il prossimo Ottobre interesserà le sale dedicate al Cinquecento e si concluderà poi nel 2021, quando verrà riallestito anche il piano terra. Si tratta del frutto di un nuovo impianto concettuale del Museo a cui penso dal mio insediamento, nel dicembre 2016, e che focalizza a Palazzo Barberini una struttura espositiva narrativa dal Medioevo al Settecento, cercando di valorizzare anche la storia del palazzo e dei Barberini, lasciando integra la quadreria settecentesca a Galleria Corsini”.

Assisteremo quindi al recupero completo del luogo che può essere definito, per la ricchezza contenuta, tra i più imponenti del periodo barocco, con l‘ambizione di rendere fruibile al pubblico le straordinarie raccolte artistiche, segno eloquente del grande prestigio e potere della famiglia Barberini che raggiunse il suo massimo splendore con il pontificato di Urbano VIII, Maffeo Barberini.

 

Le Dieci sale

 

550 metri quadrati di nuovo spazio espositivo nel quale sono riallestite 80 opere esaltate da una più ariosa collocazione. Le strutture architettoniche, il puntuale impianto di illuminazione, insieme agli apparati didattici, oggetto dei lavori di restauro unito e adeguato ai recenti lavori dell’Ala Sud, costruiscono un percorso espositivo circolare che permette ai visitatori di godere delle opere e dei luoghi del palazzo nella loro suggestiva bellezza, esaltandone la maestosità immaginata e realizzata da Maderno, Borromini e Bernini.

 

80 opere dicevamo, testimoni della grande maestria dei loro autori, capolavori che partono dal tardo Cinquecento e, in maniera più consistente, ci raccontano il meglio della storia dell’arte del Seicento. Organizzato per temi e argomenti l’itinerario espositivo procede attraverso riferimenti geografici e cronologici. Nella prima sala riservata al tardo Cinquecento possiamo trovare, tra gli altri, i dipinti di Girolamo Scicolante, Marcello Venusti e Scipione Pulsone, a seguire quella dedicata principalmente ai veneti con Tintoretto, Palma il Giovane, ed un affascinante Venere e Adone della Scuola di Tiziano. Poi la sala “Il Genere” con opere, tra le altre, di Jacopo Bassano e Bartolomeo Passerotti, a cui seguendo quella dedicata esclusivamente all’Altarolo portatile di Annibale Carracci, e quella dei grandi paesaggi di Paul Bril. Poi ancora la Scuola Bolognese con Domenichino, Guido Reni, Guercino, e Caravaggio, le cui tre opere: Giuditta e Oloferne, Narciso e San Francesco in meditazione, occupano altrettante sale dagli spazi coinvolgenti che esaltano la straordinarietà dell’artista, la cui rivoluzionaria e influente pittura è testimoniata nella sala dedicata ai caravaggeschi italiani e stranieri.

 

Quindi una formidabile ricchezza artistica enfatizzata magistralmente dai monumentali spazi restaurati, dalle volte magicamente affrescate, dalle armoniche architetture e decorazioni prodigiose.

 

Con queste nuove dieci sale il Palazzo Barberini può offrire ora al suo pubblico complessivamente 42 sale con oltre 400 opere, di cui molte prima erano relegate nei depositi, che partono dal Medioevo e arrivano fino al Settecento presentandosi come Galleria Nazionale di assoluto valore.

 

Info, Orari e Costi 

Palazzo Barberini Via delle Quattro Fontane 13

Orario: Dal Martedì alla Domenica h 8.30-19. La biglietteria chiude alle h 18.

Biglietto: Intero € 12, Ridotto € 2 Palazzo Barberini + Galleria Corsini(Via della Lungara, 10 – Chiusa il martedì)

Info: Tel +39 06 4814591